Territorio

Pianello di Cagli è un piccolo centro abitato posto a 394 m s.l.m., sorge a valle del Monte Nerone alla confluenza del fiume Certano e del fiume Giordano. La sua particolare ubicazione geografica, ne hanno fatto fin dall’antichità (Umbri, Etruschi e Romani fino al medioevo) un punto di passaggio privilegiato lungo le vie che dall’Adriatico portano verso la valle del Tevere perché facilmente percorribile anche durante i periodi invernali, essendo caratterizzata da valichi a quota abbastanza bassa.

Il massiccio del Nerone, sulle cui pendici sorge Pianello e che divenne polo di attrazione per le antiche popolazioni pastorali della civiltà appenninica, è caratterizzato da una fitta rete di spaccature, ripari sottoroccia e caverne scavate nel calcare massiccio. La bellezza dei paesaggio, il calcare lavorato da acqua e vento, l’esteso sistema di cavità carsiche presente all’interno della montagna fanno di queste zone il paradiso degli speleologi e degli appassionati di montagna in genere.

Nel territorio della vallata, le popolazioni da secoli hanno estratto le pietre utilizzate per la costruzione degli edifici, alcune di particolare pregio: il travertino, molto resistente agli agenti atmosferici, il marmarone dal colore bruno, la pietra campanella di più colori, la scaglia rosata, di gran lunga la più utilizzata per la costruzione di tutte le abitazioni della vallata e del cagliese, la più povera arenaria e, infine, la corniola selcifera, ovvero la pietra molare particolarmente ricercata fin dall’antichità per la realizzazione di enormi macine da mulino.

Nella Maiolica di alto strutturale possiamo avere una fauna piuttosto ricca comprendente Ammoniti, Brachiopodi, Echinidi, Gasteropodi. Entro la parte superiore della formazione è presente un livello di argilliti nere, spesse da pochi decimetri a circa 0.5 metri, molto ricche di materia organica, noto nella letteratura geologica come Livello Faraoni. Questo livello ha fornito una ricca fauna ad ammoniti databile all’Hauteriviano superiore.

Chiesa di S.Michele Arcangelo a Cerreto

Chiesa di S.Michele Arcangelo a Cerreto

Chiesa di S.Michele Arcangelo a Cerreto

Chiesa di S.Michele Arcangelo a Cerreto

Sacro Cuore di Pianello di Cagli.

Sacro Cuore di Pianello di Cagli.

Abbazia di San Pietro di Massa

Abbazia di San Pietro di Massa

 

 

Qui troviamo Fondarca o Fonte d’Arco, il meraviglioso arco naturale disegnato nella roccia, distante solo 15 minuti dalla piazza del borgo di Pieia. Attraverso il Sentiero Italia n.20 infatti, seguendo il percorso che costeggia il piccolo campo di bocce, si arriva sotto questo imponente arco naturale, oltre al quale si rivela un bellissimo anfiteatro, disegnato dall’incessante attività dell’acqua e dagli eventi sismici che fecero crollare il soffitto di questa antica caverna.

Qui dove nacque un eremo e dove tanti viandanti cercarono riparo e quiete, circondati dalle piccole cascatelle e scaldati dai raggi di luce che filtrano attraverso la ricca vegetazione, tutto il fascino di Fonte d’Arco si rivela ad ogni visitatore come una nuova rinascita, del corpo, della mente e dello spirito.

Guarda il virtual tour

Arco di Fondarca

Arco di Fondarca

Giro del Pajar del Diavlo

Giro del Pajar del Diavlo

Il Pajaro del Diavolo, ovvero il pagliaio del diavolo, è un pinnacolo di roccia formatosi grazie all’azione erosiva degli eventi atmosferici. Lo stesso domina la vallata dell’Eremita, nei pressi di Pianello di Cagli, lungo la strada provinciale che collega Cagli a Pianello. La vallata, in epoca medievale era sede di un eremo, l’eremo di San Nicolò, fondato molto probabilmente da San Romualdo e tutto intorno al Pajaro del Diavolo ancora oggi sono visibili i ruderi delle celle abitate anticamente dai monaci.

Il suo nome deriva, oltreché dalla forma, dalle tante storie e superstizioni formatesi nei secoli. È raggiungibile, dopo una impegnativa camminata, sia partendo dalla provinciale Cagli-Pianello, sia imboccando un sentiero che da Pianello porta in quota verso Frontino e la Costa della Mandraccia, per scendere poi in direzione del suggestivo pinnacolo di roccia, dal quale si gode di una vista eccezionale su tutta la vallata dell’Eremita.

Guarda il virtual tour

Pianello nasce alle pendici del Monte Nerone, un rilievo calcareo di particolare pregio naturalistico e paesaggistico che raggiunge la significativa quota di 1525 metri s.l.m.

L’intero massiccio è caratterizzato, nei suoi lineamenti generali, da una peculiare morfologia carsica che ha dato luogo ad un paesaggio variegato e spettacolare. Le acclivi pendici del massiccio sono solcate talora da profonde incisioni, come la suggestiva valle dell’Infernaccio, che si susseguono a lembi boschivi e prati pascoli, ubicati in modo particolare nella zona sommitale del rilievo.

Il monte Nerone è intessuto da una fitta rete di percorsi, riportata nella carta dei sentieri in scala 1:25.000, edita dalla Comunità Montana del Catria e del Nerone, che consente di accedere ad aree di rilevante interesse naturalistico, protette ai sensi Legge Regionale 52/74.

 

myOutdoor.it - Pianello Outdoor

myOutdoor.it – Pianello Outdoor

 

Maggiori informazioni sul territorio e le sue peculiaritrà su myOutdoor.it

Scopri il territorio